IL TUO CONTRIBUTO PUO’ FARE LA DIFFERENZA

Tra 1200 e 2000 sono i bambini e i giovani che vivono ancora in strada a Bucarest in una situazione di vulnerabilità estrema: senza risorse, senza un alloggio, abbandonati dalle loro famiglie e molto spesso con problemi di salute, mancanza di scolarizzazione, vulnerabili al consumo di droghe e a differenti forme di abuso.

Il problema dei bambini di strada è una delle conseguenze drammatiche della politica pro-natale di Ceaucescu, accentuata dall’indifferenza delle autorità pubbliche, dalla condizione precarie degli orfanotrofi, all’alto grado di burocrazia di adozione interna e la sospensione delle adozioni internazionali.

Dal 1996 a oggi queste bambini e giovani possono ricevere assistenza sociale e medica, essere coinvolti in attività artistiche e scolastiche per tornare a guardare al futuro con speranza. Questo è stato possibile anche grazie all’aiuto di tutti coloro che hanno messo a disposizione il loro tempo come volontari e dei singoli cittadini, delle aziende e degli enti che hanno contribuito ai nostri progetti in Italia e in Romania.

0
PERSONE AIUTATE
0
SPETTACOLI
0
DONAZIONI

I NOSTRI PROGETTI

Parada dal 1996 è presente sulle e sotto le strade di Bucarest, per sostenere i bambini e i giovani invisibili.

ULTIMI ARTICOLI

News

CAMPAGNA CROWDFUNDING

Aprile 27th, 2020|

Aiutiamo i ragazzi di strada Raccolta fondi di Parada Italia Onlus per emergenza Covid-19 Parada rischia di interrompere le sue attività e per questo motivo chiede il vostro contributo per continuare ad offrire il

BUCAREST, LA SFIDA AL COVID DEI RAGAZZI DI STRADA

Aprile 27th, 2020|

«Morire di Aids o di coronavirus, che differenza vuoi che faccia». Non ha mai conosciuto mezze misure Gabi, un uomo nascosto nel corpo di un ragazzo e due occhi cristallini che fanno trasparire un’età

EROINA, FAME, MALATTIE: I DANNATI DI LIVEZILOR

Novembre 26th, 2019|

Ceausescu vi fece costruire i palazzi per i lavoratori delle fabbriche che dovevano rendere grande il Paese. Oggi è la strada più degradata di Bucarest. Un inferno, specchio delle contraddizioni del post-socialismo