IL TUO CONTRIBUTO PUO’ FARE LA DIFFERENZA

Tra 1200 e 2000 sono i bambini e i giovani che vivono ancora in strada a Bucarest in una situazione di vulnerabilità estrema: senza risorse, senza un alloggio, abbandonati dalle loro famiglie e molto spesso con problemi di salute, mancanza di scolarizzazione, vulnerabili al consumo di droghe e a differenti forme di abuso.

Il problema dei bambini di strada è una delle conseguenze drammatiche della politica pro-natale di Ceaucescu, accentuata dall’indifferenza delle autorità pubbliche, dalla condizione precarie degli orfanotrofi, all’alto grado di burocrazia di adozione interna e la sospensione delle adozioni internazionali.

Dal 1996 a oggi queste bambini e giovani possono ricevere assistenza sociale e medica, essere coinvolti in attività artistiche e scolastiche per tornare a guardare al futuro con speranza. Questo è stato possibile anche grazie all’aiuto di tutti coloro che hanno messo a disposizione il loro tempo come volontari e dei singoli cittadini, delle aziende e degli enti che hanno contribuito ai nostri progetti in Italia e in Romania.

0
PERSONE AIUTATE
0
SPETTACOLI
0
DONAZIONI

I NOSTRI PROGETTI

Parada dal 1996 è presente sulle e sotto le strade di Bucarest, per sostenere i bambini e i giovani invisibili.

ULTIMI ARTICOLI

News

FESTEGGIA CON PARADA

Ottobre 30th, 2019|

FESTEGGIA CON PARADA I TUOI EVENTI SPECIALI Organizzare un evento solidale per PARADA è un modo semplice per trasformare i tuoi eventi in momenti di preziosa solidarietà. I nostri educatori/animatori professionisti fanno parte di

5 x 1000 | PARADA

Giugno 3rd, 2019|

SOSTEGNO, ASCOLTO E FUTURO PER I BAMBINI E I GIOVANI CHE NECESSITANO DI AIUTO. La strada e le situazioni abitative di emergenza sono luoghi dove purtroppo ancora molti bambini e giovani di Bucarest vivono. Il 5 x 1000 è

RADIO 24 | IL CLOWN DEI BAMBINI SPERDUTI

Giugno 3rd, 2019|

Un mondo sotterraneo abitato da una comunità di emarginati e un clown che diventa il pifferaio magico che la riporta alla luce. Non è una fiaba, ma la storia di Miloud Oukili, francese arrivato